Dieta del minestrone

 

Nonostante il freddo polare, la neve e il gelo che imperversano su tutto lo stivale, e che, fortunatamente, ci inducono a coprirci per bene, evitando così di nascondere i nostri cuscinetti, c’è già chi pensa all’estate. Come non immaginare di essere stesi sul lettino, con il sole sul volto e la crema abbronzante a portata di mano! Ma, cosa vedono i miei occhi? Quanti cuscinetti! Altro che maniglie dell’amore, queste sono maniglie del frigorifero! Ecco dunque che già ci si proietta nei mesi estivi e si pensa, dunque, ad iniziare a curare il proprio fisico. Chi non cerca online “diete miracolose”, diete Last minute e diete che permettono di perdere realmente qualche kg? Tra quelle più gettonate c’è sicuramente la dieta del minestrone, semplice da seguire, anche se un po’ proibitiva e sicuramente non alla portata di tutti. E’ una dieta alimentare non molto gradita ai nutrizionisti, poiché apporta un numero di calorie molto ristretto. Sicuramente rappresenta un buon metodo per scendere di peso in fretta, ma la durata consigliata è piuttosto limitata, difatti non può essere seguita per un lungo periodo. Si consiglia un limite massimo di 15 giorni, poichè non introduce nel nostro organismo la giusta percentuale degli elementi nutritivi di cui ha bisogno, anzi a volte li elimina completamente.
La dieta del minestrone consiste nell’ingerire per sette giorni consecutivi (massimo 15) minestrone di verdura, succhi di frutta senza zucchero, tè e frutta fresca di stagione. Dal quarto giorno è possibile assumere latte o yogourt e al quinto carne di manzo. Al settimo è possibile ingerire il riso, ma rigorosamnete integrale. Ovviamente se seguita per una quindicina di giorni, questa dietà darà i suoi effetti in termini di peso corporeo perso. Ma una dietà così proibitiva sicuramente comporterà un recupero dei kg persi nel giro di un breve periodo.


Questa è comunque una settimana base:


Colazione con 2 pesche e del tè, oppure 4 biscotti integrali con succo di frutta; o caffè con 4 fette biscottate integrali.
Spuntino con un frutto oppure uno yogurt, preferibilmente bianco e magro.

A merenda è possibile mangiare un frutto o una spremuta d’arancia o una carota.

A pranzo e cena 100 grammi di minestrone più contorno di verdure. Nel caso della cena è possibile ingerire il minestrone a giorni alterni. Ad esempio, se il lunedì mangiate a cena 80 gr di minestrone, il martedì potete mangiare 100 gr di tacchino (o altra carne bianca) o 120 grammi di insalata con pomodoro o 100 grammi di pollo alla griglia o insalata di formaggio (120 grammi).

E’ importante accompagnare sempre il piatto con un contorno di verdure. La porzione generalmente indicata è di 100 grammi se fresca, altrimenti 70 gr.

 

 

Comments

comments